Share

Nonostante credessi fosse un difetto tutto femminile, gli uomini si rivelano essere più permalosi del previsto! L’uomo “moderno” si offende e si stizzisce, talvolta in modo totalmente imprevedibile. Scopri questo nuovo comportamento e i metodi più efficaci per trattare il tuo uomo con Florence Escaravage, coach e fondatrice di Love Intelligence!“Non sarai un po’ ingrassato?”, “Caspita, il marito di Giovanna ha avuto una super promozione!”. Appena pronunciate queste semplici frasi, ed eccolo subito imbronciato, offeso, o peggio deciso a tenere il muso per tutta la serata! Il fatto di essere permalosi non è affatto un comportamento isolato, e negli uomini questa tendenza si generalizza. “Un’osservazione o un’azione vengono subito interpretate in modo negativo, spesso a torto, causando tensione e bronci. Come se avessimo voluto ferirli, non dimostrando abbastanza tatto!” fa notare Florence Escaravage.

Il bisogno di attirare l’attenzione

Gli uomini, metrosessuali dichiarati o meno, hanno bisogno di sentirsi guardati, adulati, ammirati riguardo al loro aspetto, di cui si occupano giorno e notte. Il fisico è diventato un’arma di seduzione fondamentale e non più un “extra”, e quando non soddisfa esattamente i loro desideri questo può portare ad una fragilità narcisistica. Questi uomini “moderni” controllano prima di tutto la propria immagine, quella che creano e rimandano. Con la conseguenza di crearsi delle aspettative, più o meno consapevoli, sui vantaggi che questo investimento “fisico” porterà loro” aggiunge Florence Escaravage.

Ma quali sono le osservazioni che feriscono noi uomini?

Secondo un sondaggio effettuato (Settembre 2009) dal sito francese “Amour de rencontre” sulla base di 6050 persone. Alla domanda, “mi offendo facilmente per osservazioni su” gli uomini rispondono:

  • Il mio fisico: 29%
  • Il mio atteggiamento in pubblico: 18%
  • Le mie opinioni (politiche, religiose): 11%
  • Le mie scelte professionali: 32%
  • Le mie conoscenze culturali: 10%

Se una donna può fare il broncio per il nuovo taglio passato inosservato, o per un completino sexy che non ha avuto l’effetto desiderato, l’uomo raccoglie ora questa eredità tutta femminile, diventando sempre più permaloso.

Il bisogno di autostima

L’uomo è da sempre cacciatore, responsabile della sopravvivenza del branco, per questo il suo amor proprio dipende essenzialmente dalla valutazione delle sue competenze professionali, più che dalla sua persona. Il lavoro è spesso l’ambito in cui si mette più spesso alla prova, dando il meglio di sé. Ancora oggi!

Poco colpite dalle sfide quotidiane del nostro uomo, noi donne non valorizziamo affatto questo aspetto. Dispettose per natura, spesso ci troviamo, per giunta, a sottolineare il talento e l’intraprendenza del compagno della migliore amica. Per poi portare alle stelle, senza volerlo davvero, l’irritabilità del suddetto “cacciatore”. Tanto più perchè, mentre la donna si è aggiudicata l’esclusiva ”dell’essere” l’uomo rivendica invece a gran voce quella del fare, e guai a chi la tocca! 

Il bisogno di far tacere il proprio ego

Alcuni punti deboli possono essere la conseguenza di una forma di orgoglio. “In effetti questo problema colpisce uomini molto sicuri di sé, piuttosto fantasiosi, brillanti e a proprio agio nella società” sottolinea Florence Escaravage. Nella vita sociale, questo genere maschile è sempre al centro dell’attenzione e, proprio per questo, la minima mancanza di attenzione nell’intimità è presa in malo modo. Questo perchè nell’intimità la maschera sociale, scontrandosi con la quotidianità, tende a cadere e le partner non sempre adulano e lusingano il proprio partner come lui vorrebbe!

Come trattare un uomo irritabile?

Impara a identificare i suoi punti deboli! Per uscire da questa difficile situazione, è necessario volerlo, ma anche riconoscere quali sono i punti più delicati, sui quali è meglio non “scivolare”. Se si resta fermi ad un “ma no, non sono permaloso”, modificare il proprio comportamento può diventare complicato. Al contrario, “confessare le proprie debolezze è molto liberatorio” assicura Florence Escaravage…

È allora possibile aiutare il proprio partner a lasciarsi andare, cercando di identificare gli argomenti “rischiosi”.  

Parola d’ordine: gentilezza! “Senza necessariamente diventare la sua psicologa di fiducia, è tuttavia importante riconoscere che gli attacchi di collera di oggi possono risalire a fatti passati. La soluzione sta nel comprendere gli eventuali rischi per il rapporto, per evitarli, o ridimensionarli” suggerisce Florence Escaravage. Quando ti accorgi che il messaggio è stato frainteso, hai sempre la possibilità di riformularlo!

Valorizzalo! Il modo migliore per superare una situazione emotiva difficile consiste nell’assumere un atteggiamento costruttivo, positivo. Tirarsi delle frecciatine, punzecchiarsi, va bene, ma senza che questo diventi il vostro modo di relazionarvi l’uno con l’altro. Tanto più se la crisi è sempre in agguato nella tua coppia. In questo caso, cambia registro, e  valorizza sempre il tuo partner. Punta più sulle sue qualità, e incoraggia le sue scelte, professionali o meno.

Quanto a lui, il tuo nuovo atteggiamento dovrebbe spingerlo a prendere coscienza della sua sensibilità verso l’opinione altrui, e a risolvere il problema! Più che assumere un comportamento aggressivo, sarebbe meglio focalizzarsi sulle qualità vincenti del tuo partner, dando voce alle sue emozioni, per evitare le solite inutili discussioni.

 

Fonte Web

 

Rating 3.00 out of 5
[?]
Share