Share

La rinite allergica è una problematica da curare e non trascurare, la riniteallergica si manifesta quando un allergene (una sostanza che provoca una reazione allergica) fa sì che l’interno del naso si gonfi e s’infiammi. Questo porta diversi fastidi e può rovinare un risveglio soprattutto nei mesi più ricchi di pollini, come la primavera. Può dare origine anche a diversi sintomi, come starnuti, prurito, naso chiuso o gocciolante.

Diffusione rinite allergica:

La rinite allergica è una delle patologie più comuni in italia, e gli studi stimano che oltre il 30% delle persone sperimenta i sintomi ad un certo punto della loro vita.

La rinite allergica:

Il raffreddore da fieno è un tipo di rinite allergica che è causata dai pollini. La rinite allergica, invece, può essere causata anche da altri allergeni, come acari della polvere domestica, pelo animale, come cane e gatto.
Alcune persone esperiscono il problema solo per pochi mesi all’anno, perché sono sensibili agli allergeni (come pollini di albero o di erba) che vengono prodotte solo in certi periodi, pochi mesi che però sono già attesi con timore e vissuti con molti fastidi. Altri convivono con la rinite allergica per tutto l’anno, perché sono sensibili ad allergeni non stagionali, come la pelliccia di animale, la polvere e altre sostanze che sono presenti sempre e in quasi tutti i luoghi che si frequenta abitualmente, è il problema s’intensifica.

Ergo il metodo migliore per affrontarla è innanzitutto la diagnosi, in cui il dottore con qualche breve domanda su come si manifesta nell’individuo la patologia, capirà subito di che tipo è:

  • Intermittente: i sintomi sono presenti per un massimo di quattro giorni a settimana o fino a quattro settimane consecutive
  • Persistente: i sintomi sono presenti per più di quattro giorni a settimana o per più di quattro settimane consecutive

Considerazioni sulla rinite allergica:

La rinite allergica non è di solito dannosa, ma i sintomi possono essere irritanti e influenzare la qualità della vita. Identificare l’allergene che provoca la tua rinite e, se possibile, evitare di venirci a contatto è un primo passo importante nella gestione e nel rapporto con la patologia, e rende più efficace ovviamente qualsiasi cura o prevenzione.

Come riconoscere e diagnosticare la rinite allergica:

Casi lievi di rinite allergica possono solitamente essere trattati con medicinali da banco e molto comuni. Tuttavia, i casi più gravi possono richiedere trattamento con uno spray nasale corticosteroidi o antistaminici prescritti dal medico di base.

Come si cura la rinite allergica (con e senza farmaci):

Sintomi lievi:

  • Medicinali da banco. Usare antistaminici e decongestionanti per alleviare fastidi e infiammazione e il naso che cola
  • Evitare l’allergene che scatena la nostra rinite
  • Lavaggi nasali. Utili per decongestionare e fatti con acqua salata possono dare “relax” alle pareti interni delle narici infiammate dai continui starnuti.

Altri sintomi

Il farmaco, qualsiasi esso sia non cura l’allergia, ma serve per trattare i sintomi. Vengono assunti solo dopo prescrizione medica e utilizzati o di fronte a forti attacchi di allergia, o come prevenzione.

  • Antistaminici: l’istamina è prodotta dal nostro copro quando si sente attaccato da un allergene e ciò che procura starnuti e altre reazioni. Gli antistaminici curano i sintomi della rinite. Sono spesso in compressa e si trovano anche fra i farmaci da banco. Attenzione possono provocare sonnolenza ma sono molti efficaci per decongestionare.
  • Corticosteroidi: di fronte a sintomi frequenti e molti intensi vengono somministrati i corticosteroidi, molti efficace per decongestionare e dis-irritare le mucose del naso e le pareti interne delle narici. Nell’utilizzo a spray non hanno significative controindicazioni o effetti collaterali.
  • Decongestionanti nasale. Si trovano anche questi fra i farmaci da banco. Sono spesso spray e servono per alleviare il problema del naso chiuso durante un attacco allergico. Non dovrebbero essere usati per più di 5-7 giorni.
  • Immunoterapia. E’ il così detto vaccino, e si basa sul principio di iniettare a piccole dosi l’allergene nel corpo, tramite puntura, in modo da abituare l’individuo alla sostanza allergica fino a che non sia più tale per il corpo. Una terapia che può portare ad acute reazioni allergiche soprattutto le prime volte ergo bisogna essere seguiti da un medico.

Perchè curare e non trascurare la rinite allergica:

Quando si arriva a soffiare il naso con i rotoli di carta da cucina, perché i fazzoletti finiscono subito, quando si va in moto o in  macchina e ci si starnutisce addosso fino a sporcare la giacca, quando ci si alza dal letto con il naso che cola e si hanno le occhiaie come Nosferatu, è il momento di dire basta. Le soluzioni ci sono.

FONTE WEB

Rating 3.00 out of 5
[?]
Share