Share

 

Dal vino ai mirtilli rossi, dalla propoli alla verdura: ecco la dieta con gli alimenti che proteggono i tuoi denti.

Lavare bene i denti è la prima regola per una buona igiene orale. Ma anche a tavola si può proteggere il sorriso: alcuni cibi aiutano infatti a prevenire la carie. Ecco quali sono gli alimenti amici del sorriso, da non far mancare nel menù di una dieta anticarie. 

• Vino rosso. Secondo una ricerca dell’Università di Pavia, pubblicata sulla rivista Current Opinion in Biotechnology, le proantocianidine contenute nel vino rosso aiutano a prevenire la carie.

• Caffè. Test in vitro hanno dimostrato che alcune sostanze contenute nel caffè, come la trigonellina, proteggono l’igiene orale. 

• Cicoria e funghi. Lo studio pubblicato dall’Università di Pavia promuove anche cicoria e funghi, grazie agli effetti positivi dell’acido chinico. 

• Verdura cruda: grazie alle fibre e alla consistenza croccante, facilita l’autopulizia deidenti insinuandosi nelle fessure, altrimenti raggiungibili solo dal filo interdentale. Va mangiata in abbondanza. 

• Mirtilli rossi. Test «in vivo» condotti da Gabriella Gazzani dell’Università di Pavia evidenziano l’effetto anticarie dei mirtili rossi, grazie alla presenza di procianidine. 

• Latte e yogurt: contengono minerali importanti per la salute dentale, primo fra tutti il calcio. Secondo una ricerca giapponese, il consumo di yogurt fa diminuire nei bambini il rischio di carie del 22%.

• Cioccolato fondente. Una ricerca dell’Università di Osaka, in Giappone, pubblicata su New Scientist, ha dimostrato che le tavolette di cioccolato con percentuale di cacao superiore all’80% aiutano a prevenire la carie. Come mai? Perché contengono agenti antibatterici naturali. 

• Propoli. Secondo lo studio condotto dall’Università di Pavia, la propoli prodotta dalle api protegge i denti dalle carie. 

• Chewing gum allo xilitolo. Le cicche senza zucchero dolcificate con lo xilitolo riducono la concentrazione nella saliva di streptococcus mutans, la principale specie batterica responsabile della carie. Lo dimostra una ricerca condotta su 153 bambini dall’Università degli Studi di Milano, con il proprio Centro di collaborazione Oms per l’epidemiologia e l’odontoiatria di comunità e l’Istituto di clinica odontoiatrica dell’Università degli Studi di Sassari.

FONTE WEB

Rating 3.00 out of 5
[?]
Share